Nest, Napoli Est TeatroNest, Napoli Est TeatroNest, Napoli Est Teatro

 

13,14 e 15 DICEMBRE 2019 / LOVE BOMBING



#10ANNIONEST
13, 14 E 15 DICEMBRE 2019
LOVE BOMBING

uno spettacolo della Compagnia Nest
scritto e diretto da Giuseppe Miale di Mauro
con
Gennaro Di Colandrea / L’Ergastolano
Giuseppe Gaudino / Il Falco
Stefano Jotti/ L’Avvocato
Adriano Pantaleo / ‘O Guaglione
Giovanni Serratore / Il Mujahideen
Andrea Vellotti / Il Pediatra
Light Designer / Luigi Biondi e Giuseppe Di Lorenzo
Scenografia / Carmine Guarino
Realizzazione scene/ Dino Balzano
Costumi / Giovanna Napolitano
Grafica e foto di scena / Carmine Luino
una produzione Nest

«…Finora, comunque, in base a tutto quello che si sa sull’ISIS e sulla sua capacità militare, non rischiamo la distruzione di massa. La rischieremmo se lasciassimo diventare il Califfato molto più potente di quello che è ora.»

Quando ho letto queste righe in un articolo di Stefano Magni (L’Opinione – 09/2014), pensai che sarebbe stato interessante raccontare proprio quel “rischio”. Pensai che raccontare una distruzione di massa voleva dire raccontare la degenerazione umana. A quel tempo stavo guardando la serie tv “The Walking Dead”, e mi parve interessante l’idea drammaturgica che ne veniva fuori: i morti viventi erano un pretesto per raccontare i vivi morenti. Così ho immaginato che il mondo abbia fatto diventare il califfato molto più potente di quello che è ora, e che i Mujahideen abbiano conquistato l’occidente sterminando chiunque non fosse musulmano. Un nuovo genocidio, e come tale, non diverso da quelli passati. Lo stato Islamico, quindi, come pretesto per raccontare il disfacimento dell’umanità. Ho nascosto cinque uomini in un bunker (come facevano gli ebrei) nel disperato tentativo di sopravvivenza. Creando un microcosmo in cui resiste il senso di appartenenza, di fratellanza, quel briciolo di civiltà che l’attacco islamico sembra aver sepolto insieme a tutte le teste tagliate, finché uno del gruppo riesce a catturare un Mujahideen e decide di portarlo all’interno del bunker per torturarlo e vendicarsi.

È questo l’episodio che scatenerà un conflitto tra i cinque personaggi e li costringerà a dover scegliere tra quello che erano e quello che sono diventati. Un ultimo tentativo di restare umani in un contesto apocalittico che fa perdere le identità e che trasforma gli uomini in animali. Da qui l’idea di abbassare scenograficamente il tetto del bunker costringendo gli attori a non poter assumere più una posizione eretta, come se il cerchio dell’evoluzione di Darwin si fosse chiuso su se stesso e avesse ricongiunto l’uomo alla scimmia. C’è chi sostiene che la guerra sia insita nell’essere umano come la vita e la morte. Quella guerra che annulla ogni forma di civiltà, di umanità, e che trasforma gli uomini viventi in morti viventi.

Giuseppe Miale di Mauro

Nest, Napoli Est Teatro
Nest, Napoli Est Teatro

LOVE BOMBING

Tipo

Quantità

Data



Nest, Napoli Est Teatro